Bioimpedenza Vettoriale


BIVA: un nuovo metodo per l’analisi della composizione corporea

Cos’è l’analisi Bioimpedenziometrica

Conoscere la composizione corporea non vuol dire conoscere solo il proprio peso, ma significa capire in modo oggettivo ed analitico da cosa è composto (muscolo, acqua, grasso) e come le varie componenti cambiano nel tempo in relazione a nuovi stimoli (es. nuovi piani alimentari e/o cambiamento dell’attività fisica).

Attraverso la metodica BIA siamo quindi in grado di analizzare in maniera diretta lo stato di idratazione e stimare la quantità di muscolo, grasso corporeo e metabolismo basale.

akern-bia Bioimpedenza Vettoriale

Bioimpedenziometro Professionale

Come funziona l’analisi BIA?

La tecnica dell’analisi di impedenza bioelettrica si basa su un test veloce, semplice e non invasivo. Si basa essenzialmente sul passaggio di una debole corrente, assolutamente impercettibile, attraverso il corpo. I vari tessuti del corpo si comportano differentemente (possono essere conduttori, condensatori o isolanti) e di conseguenza lasciano passare il flusso di corrente in modo diverso, ottenendo così le stime della composizione corporea.

Esistono ad oggi numerosi dispositivi che effettuano questa analisi, ma solo quelli che restituiscono i valori dei due vettori di Resistenza (Rz) e Reattanza (Xc) sono più attendibili ed affidabili.

lettino-BIVA-300x201 Bioimpedenza Vettoriale

Come si effettua l’analisi BIVA

E’ infatti sufficiente applicare 4 elettrodi adesivi (sul dorso della mano e del piede) alla persona distesa sul lettino per ottenere il pochissimi minuti i valori desiderati riguardo la risposta elettrica dei diversi tessuti corporei.

Come effettuare quindi l’analisi BIVA?

L’analisi di Bioimpedenza Vettoriale è l’evoluzione della metodica BIA:  mediante i valori bioelettrici rilevati e la rappresentazione interpolata su un grafico specifico chiamato normogramma BIAVECTOR®, è possibile confrontare il vettore del singolo individuo con l’intervallo di riferimento della popolazione, espresso in percentili. Tale normogramma inoltre mostra direttamente sul grafico lo stato fisiologico di un soggetto permettendo una veloce analisi dei risultati.

Normogramma-BIAVECTOR-300x276 Bioimpedenza Vettoriale

Normogramma BIAVECTOR® – Piccoli et. al. 1995

Ad esempio è possibile capire se un soggetto è ben nutrito o ben allenato, oppure se malnutrito come nei soggetti cachettici o con patologie correlate a disturbi del comportamento alimentare. Inoltre si rilevano direttamente le variazioni dell’idratazione corporea (edemi o disidratazione).

E’ uno strumento molto utile per capire se un nuovo stile di vita (Es: cambiamento di abitudini alimentari, dieta, o allenamento) influiscono in modo corretto sulla variazione di peso rilevata con la bilancia.

In definitiva l’analisi vettoriale (BIVA) rielaborata mediante questa tipologia di software specifico, offre uno schema interpretativo immediato circa lo stato idrico e nutrizionale del soggetto, valutando senza errori la quantità e qualità di cellule all’interno dei tessuti.